Menu

Giardino

Cura Delle Viti Senza Semi

L'uva senza semi in crescita nel giardino di casa produce un frutto versatile apprezzato per quanto sia facile da mangiare. Inoltre, le uve senza semi sono ingredienti in prodotti alimentari come vino, gelatina e torta. Anche se le uve senza semi forniscono al giardiniere domestico molte opportunità dopo il raccolto, fornendo una cura ottimale lungo...

Cura Delle Viti Senza Semi


In Questo Articolo:

Le uve senza semi prosperano in piena esposizione al sole.

Le uve senza semi prosperano in piena esposizione al sole.

L'uva senza semi in crescita nel giardino di casa produce un frutto versatile apprezzato per quanto sia facile da mangiare. Inoltre, le uve senza semi sono ingredienti in prodotti alimentari come vino, gelatina e torta. Anche se le uve senza semi forniscono al giardiniere domestico molte opportunità dopo la raccolta, fornire una cura ottimale lungo il percorso è fondamentale. Dai alla tua uva senza semi la minima attenzione e affronta i problemi che sorgono per uno sviluppo sano.

Cura generale

Le uve sane sono più in grado di evitare e recuperare da problemi, come parassiti e malattie, rispetto all'uva trascurata. Le uve senza semi crescono al meglio in pieno sole. Prediligono terreni ben drenati con un pH compreso tra 5,3 e 6,0 e possiedono i migliori risultati su suoli più leggeri o su argilla modificata. I giardinieri dovrebbero irrigare il terreno durante i periodi di siccità, aspettando che lo strato superiore del terreno si asciughi prima di irrigare nuovamente.

Potatura e diradamento

La potatura e diradamento delle viti senza semi è essenziale per produrre una buona dimensione delle bacche. Le bacche possono sopraffare la vite durante la crescita, con conseguente dimensioni, colore e sapore inferiori all'ideale. Per evitare questo problema, i giardinieri domestici possono potare in inverno o in primavera durante la stagione dormiente. Inoltre, i coltivatori possono rimuovere alcuni dei grappoli sulla vite per consentire una migliore assunzione di sostanze nutritive da parte delle bacche. I cluster di targeting che appaiono mal formati o troppo piccoli sono una buona regola da seguire. Dopo aver rimosso i cluster, è possibile un ulteriore diradamento rimuovendo circa la metà delle bacche dai cluster rimanenti, suggerisce il servizio di estensione cooperativa della New Mexico State University.

Cura dei parassiti

I parassiti diminuiscono la salute delle piante e possono distruggere i raccolti. Le cicaline sono piccoli parassiti che misurano poco più di 1/10 di pollice e si nutrono di tessuto fogliare, provocando foglie e defogliazioni scolorite. Rilasciare nemici naturali come lacewings verdi e minuscoli bug dei pirati offre un controllo efficace. Le tarme delle bacche d'uva attaccano le bacche nella loro fase larvale scavando tunnel e nutrendosi di frutta. Per prevenire gravi danni e perdite, le trappole a feromone offrono il controllo. Gli scarafaggi delle pulci dell'uva, anche un comune parassita, stanno masticando insetti che mangiano buchi nel tessuto dei boccioli e nel fogliame che, se non trattati, porta alla perdita delle colture. Il controllo dei coleotteri delle pulci dell'uva include le applicazioni di un insetticida con un principio attivo come il carbaryl. Per tutti i parassiti, i giardinieri dovrebbero rimuovere e distruggere le parti di piante colpite per ridurre le popolazioni di parassiti.

Cura delle malattie

Il danno alla malattia viene spesso evitato attraverso un attento monitoraggio delle viti. La putrefazione nera, ad esempio, causa macchie di foglie rosso-marrone, bacche mummificate e tessuto vegetale che muore. Un'applicazione di due fungicidi, uno contenente il principio attivo ferbam e l'altro malathion, controlla la putrefazione nera. Una malattia fungina comune, l'oidio, provoca macchie scolorite sulle foglie, macchie rosse sulle canne e una crescita bianca simile a polvere sulle superfici delle piante. Per evitare danni alla frutta, il controllo della peronospora comprende l'applicazione approfondita di un olio, come l'olio a stretto raggio, per liberare le piante dalle malattie. Un'altra malattia fungina, la peronospora, appare durante il clima umido e caldo, causando macchie gialle e necrotiche sulle superfici superiori delle foglie con una crescita biancastra, simile a cotone, sulle parti inferiori delle foglie e sul frutto. La peronospora porta spesso alla perdita di frutta e alla caduta delle foglie. I giardinieri possono controllare la peronospora riducendo l'irrigazione e applicando un fungicida con un principio attivo come il triflumizolo. Tutte le piante traggono vantaggio dalla rimozione e dalla distruzione di parti di piante infette per ridurre la gravità della malattia.


Guida Video: FOGLIE TV - Speciale Agrilevante - Vivai Murciano: barbatelle made in Salento.

L'Articolo È Stato Utile? Dì Ai Tuoi Amici!

Per Saperne Di Più:

Aggiungi Un Commento